Firefox, nel 2018 l’addio a Windows XP e Windows Vista

      Commenti disabilitati su Firefox, nel 2018 l’addio a Windows XP e Windows Vista
300*250

Firefox, nel 2018 l’addio a Windows XP e Windows Vista

 


Firefox cesserà il supporto per i sistemi operativi Windows XP e Windows Vista, anche se il primo è ancora utilizzato da quasi il 6 per cento dell’utenza. Svecchiare i PC è l’unico modo per non incorrere in gravi problemi per la sicurezza

Firefox cesserà a partire da giugno 2018 il supporto del suo browser con i sistemi operativi Windows XP e Vista. Si tratta dell’ultimo step di un percorso già avviato lo scorso marzo quando gli utilizzatori del browser sui sistemi citati sono stati traghettati verso il cosiddetto Firefox Extended Support Release, un progetto volto a sviluppare e mantenere ambienti desktop per grandi organizzazioni, come università, istituzioni e aziende garantendo aggiornamenti per la sicurezza fino a settembre 2017. Ora è quasi giunto il momento di staccare definitivamente la spina.Firefox incoraggia fortemente gli utenti ad eseguire l’aggiornamento a versioni di Windows supportate da Microsoft: i sistemi operativi “abbandonati” non ricevono aggiornamenti di sicurezza e il loro utilizzo è pertanto un rischio; e giustifica la decisione ricordando che “Firefox è l’unico browser a offrire supporto a Windows XP e Vista. La stessa Microsoft ha interrotto il supporto a Windows XP nel 2014 e interromperà il supporto Windows Vista nel 2017”. Effettivamente Google Chrome, browser più utilizzato a livello mondiale, ha cessato il supporto ormai lo scorso anno e persino Internet Explorer che gioca in casa non lo fa più da anni. Una decisione quindi in linea con il ciclo di vita dei sistemi operativi di Redmond e che non può essere criticata.Ma gli OS di Microsoft non sono gli unici a non essere più supportati. Già un anno fa Mozilla, la fondazione alle spalle di Firefox, aveva deciso di sospendere gli aggiornamenti e il supporto per le versioni di Apple iOS 10.6, 10.7 e 10.8.Ad aprile è stato rilasciato Firefox 53, il primo aggiornamento di versione che ha escluso gli utilizzatori di Windows XP e Vista. Le quote di mercato dei due sistemi operativi assieme è del 6,12 per cento (5,69 per cento solo di XP). Si tratta di un numero ancora di una certa rilevanza, ma che non potrebbe comunque giustificare la prosecuzione del supporto per una questione di anzianità. Non poter più godere di aggiornamenti dovrebbe invece stimolare gli utenti a migrare verso sistemi più aggiornati allontanando così i pericoli relativi alla sicurezza.

cyber attacchi hanno raggiunto nel 2016 quota 60 milioni. Molti di essi hanno sfruttato lacune tanto dei sistemi operativi che dei browser. Di fronte ad una minaccia così diffusa e potenzialmente dannosa, è meglio correre ai ripari, finché si è in tempo.